Ecco, ci siamo… Anch’io voglio scrivere il mio augurio per un buon 2016 :)

Ecco, ci siamo… Anch’io voglio scrivere il mio augurio per un buon 2016 :)

Salve cari lettori della community (so che ci siete, vi vedo dai log delle statistiche) 🙂

Com’è andato quest’anno?

Io non posso certo lamentarmi… Son diventato papà (ormai la mia bellissima bimba ha quasi un anno); la famiglia – seppur lontana – sta bene; i miei pelosi stan bene; con la compagna va tutto benone… Insomma, non ho certo di che lamentarmi, e son contento di questo.

E voi? Voi come l’avete passato?

… Spero sia andato tutto per il meglio anche a voi!

Che nessuno di voi abbia perduto amici o parenti cari; che il lavoro ci sia e vada bene; che la vita scorra serena proprio come desiderate.

Spero non siate state colpiti da quelle tristi vicende di Parigi, ad esempio.

Perché, ecco, certe cose fan certamente male nell’anima a chi non riesce a rimanere indifferente da certe notizie, ma sicuramente fan più male alle persone direttamente interessate dai fatti.

Ecco, a loro – a quelle persone che han sofferto così tanto voglio mandare i miei più sinceri auguri di buon 2016. Perché so bene che è difficile tornare a galla quando si cade nell’oblio (credetemi, lo so davvero), ma se ci siete ancora, se siete vivi, non potete fare a meno di “tornare vivere” nonostante quanto accaduto. Non potete fare a meno di tornare ad essere felici, e sorridere, e amare. La vita è così, e va vissuta sempre e comunque. So che sembra pura retorica, ma è così.

E voglio fare i miei più sinceri auguri anche a tutti gli immigrati che in fuga dalla guerra; dalla fame; dal dolore e dalla povertà; hanno affrontato estenuanti viaggi per arrivare fin qui. Spesso persone colte (diplomati, laureati – molti di loro, probabilmente, son più colti di molti dei nostri politicanti), eppure trattati come fossero “nullità”. Qualcosa che non si sa come trattare né dove mettere. Come non fossero esseri umani; esseri viventi; esseri senzienti.

La cosa che più mi dà noia è che non è necessario uccidere; non è necessaria la guerra; non è necessario fare attentati in nome di nessuno. Si può… Vivere serenamente si può. E mi auguro che questo 2016 sia almeno un po’ più sereno del 2015.

Concludo augurandovi ancora una volta buon anno, e lo faccio con questa splendida canzone… Forse tra le più belle canzone di sempre. Spero vi piaccia.




Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.